banner-campionato

 10 visitatori online

Facebook

Il Reportage: Reggio festeggia l’Unità d’Italia e, sul Lungomare, celebra il Tricolore

E-mail Stampa PDF

tricoldi Peppe Caridi - In questo giorno di festa, la Città di Reggio Calabria sta festeggiando il 150° anniversario dell’Unità d’Italia con numerose manifestazioni celebrative, artistiche e culturali.

Stamattina, presso l’Arena dello Stretto intitolata a Ciccio Franco, nel cuore di un Lungomare Falcomatà gremito da tantissimi reggini e anche da qualche turista che hanno scelto di godersi questo giorno festivo in città,

 s’è svolta la cerimonia solenne dell’alzabandiera, in uno scenario davvero suggestivo grazie alle condizioni atmosferiche piacevoli, con temperature miti e visibilità ottima tanto da dare l’impressione di poter quasi toccare la Sicilia e la splendida Etna innevata con la punta di un dito.

 

Nel corso della cerimonia dell’alzabandiera, un picchetto militare interforze ha reso gli onori al Prefetto  Luigi Varratta, è stato accompagnato dal Comandante del Presidio militare della Capitaneria di Porto, Vincenzo De Luca.
Alla cerimonia hanno partecipato le massime Autorità locali, i Comandanti dei reparti militari di stanza a Reggio Calabria, le rappresentanze dei Corpi Armati dello Stato, le Associazioni Combattentistiche e d’Arma e delle istituzioni scolastiche.

La Banda della Scuola Media Statale “Alcide De Gasperi” di Reggio Calabria ha eseguito l’inno nazionale e le altre musiche che hanno accompagnato la celebrazione.
Alla manifestazione hanno partecipato anche gli sbandieratori dell’IPSIA “Enrico Fermi” di Reggio Calabria e le majorettes della Scuola Primaria “Lucianum” sempre di Reggio.
Altri giovani scolari reggini hanno formato una bandiera tricolore sugli “spalti” dell’Arena, intonando a squarcia gola l’inno di mameli, affiancati dagli alunni della scuola alberghiera di Longarone (Belluno), l’I.P.S.S.A.R. che ha anche incontrato il prefetto Varratta porgendogli un omaggio, e a quelli dell’Istituto di Istruzione Superiore “E. Bisazza” di Messina, facenti parte del progetto “Kairos“che ha organizzato proprio per questi studenti di tutt’Italia una giornata di studio per oggi, 17 marzo, “tra storia e legalità, una sola Italia tra passato, presente e futuro“.
Stamattina i giovani studenti stanno visitando la Città, con una Sfilata sul Corso Garibaldi e una visita al “Treno Verde” presso la stazione centrale; nel pomeriggio, poi, incontreranno il procuratore Gratteri e attraverseranno lo Stretto su un battello che li porterà fino a Messina.

La celebrazione, dell’alzabandiera, a cui hanno assistito anche molti cittadini, “intende sottolineare il valore patriottico della ricorrenza connesso alla scelta unitaria compiuta all’atto della nascita dello Stato nazionale” come hanno spiegato le autorità, pronte in modo solenne a festeggiare quest’importante ricorrenza.

Il Prefetto Varratta, nel suo intervento, ha detto che “non servono molte parole per celebrare questa giornata di Unità Nazionale. Baste leggere i giornali, basta vivere l’Italia per avere moltissimi attestati su come e quanto questa festa sia sentita ovunque, da nord a sud. Dobbiamo ringraziare coloro che hanno combattuto per un’Italia unita, ed essergli riconoscenti. E l’Italia sarà sempre unita, solo così, unita e forte, potrà affrontare al meglio le sfide mondiali dei prossimi anni“.

Varratta ha parlato in uno scenario molto suggestivo, con l’Etna alle spalle imponente e innevata come sempre, lì, oltre il mare dello Stretto.
E proprio lassù, sulla cima dell’Etna, a 3.343 metri di altitudine, stamattina una squadra di volontari del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico provenienti da tutta la Sicilia sta piantando una bandiera tricolore per festeggiare i 150 anni dell’Unità d’Italia.

http://peppecaridi2.wordpress.com/2011/03/17/il-reportage-reggio-festeggia-lunita-ditalia-e-sul-lungomare-celebra-il-tricolore/#more-11059 

 

CERCA

Sondaggio

AIUTACI A SCEGLIERE LA PROSSIMA META!










 

CONTATTACI...




Follow ottimo on Twitter